Santa Malena è tra noi!

L’identità di un uomo consiste nella coerenza tra ciò che fa e ciò che pensa. (Charles Sanders Peirce)

In genere non mi piace vedere i talk show, preferisco di gran lunga vedermi in santa pace un film o una serie televisiva, ma è ormai alcune settimane che, essendo influenzata – senza un briciolo (o quasi di voce) mi tocca sorbirmi quell’obbrobrio di trasmissione condotta da Barbara D’Urso, che dall’altra stanza mi rompe i timpani con i suoi ospiti (insulsi direi), le sue interviste inutili e una marea di disoccupati che fanno gli opinionisti  della domenica pomeriggio per portare il pane a casa.  Cosi oggi, dopo essermi sorbita un’intervista con la nuova star (ahahahah) neo-melodica napoletana Nancy Coppola (la più odiata dai napoletani da quanto leggo nei vari commenti su FB), ecco che arriva lei, la Santa Maria Goretti del porno italiano.

malena-pugliese-selfie-546x381

foto da Notiziare.it – Malena la Pugliese

Malena (al secolo Milena Mastromarino) età 33 anni ma dichiarati 30 (almeno cosi si vocifera su alcuni siti), di origine pugliese, viene intervista nel salotto televisivo pomeridiano più odiato di tutti i tempi e smessi i panni della martire che si è sacrificata al porno per colpa della mamma malata e dei debiti da pagare, ammette che fa la porno star perchè si sente una diva sexy e voleva quindi deliziare (ma chi?? Continua a leggere

Annunci

All that remains

I don’t know where to find you
I don’t know how to reach you
I hear your voice in the wind
I feel you under my skin Nothing more to explain
I know all that remains Is a piano that plays
Within my heart and my soul
I wait for you
Adagio

Per Martina ♥

tumblr_o3jh6qhbhm1ubcjmko1_500
La luce calda del pomeriggio stava ormai scomparendo per lasciare posto alle ombre della sera che stava arrivando. Ormai la mia vacanza sta finendo ma non ho nessuna voglia di rientrare in città. Il panorama è fantastico, le persone sono cordiali, la vita qui sembra uscita da un romanzo rosa dove tutto è perfetto. Perfino i ricordi di quello che mi sono lasciata alle spalle fanno meno male, sembra tutto cosi irreale qui, quasi fosse solo un sogno. Il rumore delle onde mi tiene compagnia mentre, persa nei miei pensieri cammino percorrendo la rena che ormai si sta raffreddando. Voglio godermi ogni istante, finché potrò… Osservo le onde infrangersi, come tanti sogni che mai si realizzeranno contro un gruppo di scogli che sono li vicino, mentre i gabbiani volano alti nel cielo. La brezza mi scompiglia i capelli e il vestito mi si attorciglia alle gambe abbronzate. Scosto i capelli con una mano e in quello scorcio di natura cosi magico la musica di un piano che suona riempie l’aria con le sue note. Riconosco quella canzone, è Adagio di Albinoni.

Continua a leggere

Tutti abbiamo un segreto

12512406_1095812663773889_1063243152402781678_nqualcosa che nascondiamo agli altri, al nostro partner, alla nostra famiglia, ai nostri amici.
Qualcosa di cui non andiamo fieri, qualcosa che temiamo gli altri possano scoprire ma non capire.
Un segreto, è qualcosa che non ci fa dormire la notte, qualcosa che non ci fa vivere, qualcosa che facciamo fatica a celare perché troppo pesante da sopportare da soli.
Un segreto che vorremmo urlare ma al contempo temiamo che venga svelato.
Un segreto che potrebbe essere usato contro di noi.
Un segreto che farebbe soffrire chi ci ama, se lo venissero a sapere.
Un segreto che ci fa paura, che ci rende insicuri, che ci trascina a fondo, che ci fa del male.
Un segreto a volte ci lega a qualcuno, ma molto più spesso ci separa da coloro che amiamo.

Un segreto che sarebbe sempre meglio non avere.
E voi, qual’è il vostro segreto?
Sarah ♥

Tutti custodiamo un segreto chiuso a chiave nella soffitta dell’anima.
(Carlos Ruiz Zafón)

Secret – Madonna 1996

In the garden of evil

Se ci si vuole bene bisogna dirselo.
Che sia un’amica, un fidanzato, un parente.
Perchè poi magari la vita
Ti ruba il tempo di dirlo.

If you love someone say to it
He’s a friend, a boyfriend, a relative.
‘Cause then maybe life
Steals your time to say.

reality_lost_by_vishstudio-d416s2o

© Reality Lost by Vishstudio.deviantart.com 2016

Nella terra degli Dei e dei Mostri,
ero un Angelo
che viveva nel giardino del male,
fottuta, spaventata, facendo tutto ciò di cui avevo bisogno.
Brillando come una lanterna ardente,
Tu hai la cura che mi serve;
fama, liquore, amore, dammelo lentamente.
poni le mani sul mio bacino, fallo lentamente.
Io e Dio non andiamo d’accordo, perciò ora canto.

Nessuno mi ruberà  l’anima,
sto vivendo come Jim Morrison.
diretti versi una fottuta vacanza.
Motel, baldoria, baldoria e sto cantando;
si cazzo dallo a me, questo è il paradiso, ciò che voglio davvero
E’ innocenza perduta. Innocenza perduta.

Nella terra degli Dei e dei Mostri, ero un Angelo,
che cercava di essere scopata violentemente.
Come una groupie in incognito in posa come un vero cantante,
la vita imita l’arte
tu hai la cura che mi serve
cretino, sparamela dritta al cuore, ti prego
non voglio sapere cosa è giusto per me
Dio è morto, dissi: “tesoro, per me non è un problema”.

Nessuno mi porterà via l’anima,
vivendo come Jim Morrison.
avvicinandomi verso una vacanza mandata a puttane.
Motel, stretti stretti, e sto cantando;
cazzo sì, dammelo, questo è il paradiso, ciò che voglio davvero
E’ innocenza perduta. Innocenza perduta.

Quando parli è come un film
e mi fai impazzire
Perché la vita imita l’arte
Se sarò carina con te, posso essere il tuo tesoro?
Tu mi dici: “Vivere non è cosi difficile”

Nessuno mi ruberà  l’anima,
sto vivendo come Jim Morrison.
diretti versi una fottuta vacanza.
Motel, baldoria, baldoria e sto cantando;
si cazzo dallo a me, questo è il paradiso, ciò che voglio davvero
E’ innocenza perduta. Innocenza perduta.

 

 

Listen to the rain

5783e5713f6a2ba611f4826f5c2e0da6

Ho sempre amato l’autunno. Vedere la pioggia che scende disegnando righe sui vetri, vedere la sua corsa inesorabile verso qualcosa che non potrà mai raggiungere,  sentire il suo odore, udire il suo incessante cadere, il suo picchiettare contro le cose, come qualcuno che bussa alla porta ma che nessuno farà mai entrare. La pioggia mi ha sempre trasmesso una sensazione di calma e di pace.
Quando ero una bambina molto piccola, sui quattro/cinque anni, stavo ore dietro ai vetri di una finestra a vedere la pioggia cadere e quando chiedevo a mia nonna perché piovesse, lei mi rispondeva sempre che erano le lacrime degli angeli che cadevano dal cielo perché erano tristi. Quando le domandavo perché gli angeli erano tristi e quindi piangessero, lei mi diceva che era per colpa di coloro che non si comportavano bene.
Allora le chiedevo se era colpa dei bambini come me, perché facevamo i cattivi, perché non ubbidivamo, perché facevamo i capricci. Lei mi diceva che non era colpa dei  bambini, perché i bambini sono bambini e crescono come li si educa. Mi diceva che era tutta colpa della cattiveria delle persone che con il loro comportamento non pensano mai alle conseguenze delle loro azioni. Mi diceva sempre che nel mondo ci sono tante persone, alcune  buone, alcune cattive. Mi raccontava che le persone erano cattive perché la vita lo era stata con loro, altre perché la cattiveria era l’unica cosa che conoscevano e altre perché fare del male agli altri, li faceva sentire meno soli, gli faceva sentire importanti.
Mi ricordo che all’epoca promettevo sempre che avrei fatto la brava cosi gli angeli non avrebbero più pianto, almeno non per colpa mia.
Mi ricordo che una volta le chiesi se anche lei era un angelo, perché la vedevo piangere spesso.
Lei mi abbracciava e mi rispondeva che piangeva perché era contenta che aveva me, perché ero la sua nipotina che poteva coccolare. Eppure le sue non mi sono mai sembrate lacrime di gioia, ma solo con il tempo capii il motivo del suo dolore.
Sono passati un sacco di anni da allora e ogni volta che piove non posso non pensare a quella donna che mi spiegava la vita con  semplicità, che mi dava tanto amore e che a modo suo cercava di tutelarmi dalla cattiveria che ci circonda.
Purtroppo se ne è andata troppo presto, a soli 54 anni per colpa di un tumore non curato in tempo.
Ogni volta che ascolto la pioggia, è come se ascoltassi la sua voce.

Ascolta ogni goccia di pioggia (ascolta, ascolta)
Che sussurra segreti invano
Cercando freneticamente qualcuno che ascolti
La loro storia, prima che finiscano a terra.